Cartiera San Martino spa

  • Le date

    L’azienda viene fondata intorno al 1890.

     

  • Le altre date

    Nel 2005 c’è una ristrutturazione aziendale che la trasforma nella forma sociale attuale

  • Le sedi

    Via Ferrazza, 15/A – 03030 Broccostella (FR)

    Recapiti: +39 0776 891242 – http://www.cartierasanmartino.it/

  • L'ambito produttivo

    Carta, Stampa e Cartotecnica

  • L'impresa approfondisce

    Produzione di cartoni accoppiati, cartoncini duplex e triplex, monolucidi



  • Il profilo e l'identità

    La Cartiera San Martino è una realtà industriale che vanta oltre 100 anni di esperienza.Fondata nel 1890, è parte integrante del polo produttivo cartario sviluppatosi nella provincia di Frosinone ed in particolare nel bacino del fiume Liri.  La Cartiera San Martino si è evoluta nel tempo sino a divenire una delle aziende leader nella produzione di cartoncini e cartoni accoppiati utilizzando materiale riciclato.L’aziendaha infatti adottato, da sempre, politiche che sostengono l’utilizzo della raccolta differenziata e della carta da macero riciclata come materia prima, escludendo così l’impiego di piante per il processo produttivo.



  • L'impresa si descriveOpen or Close

    La Cartiera Cerrone, oggi Cartiera San Martino S.p.A. è stata fondata dalla famiglia Cerrone alla fine dell’800. È sita lungo la riva destra del fiume Fibreno in località San Martino nella provincia di Frosinone.

    Le prime notizie risalgono al 1875 quando un certo Benedetto Tatangelo acquistava dallo Stato il diritto di derivazione dell’acqua del fiume Fibreno per l’impianto e la gestione di un mulino.

    Nel 1882 il mulino passava a sua moglie, Francesca Sorgi, che successivamente, con atto del 6 agosto 1894, lo dava in locazione a Pasquale Cerrone, con facoltà di poter adibire uno dei locali del mulino  ad uso cartonificio.

    Successivamente la signora Sorgi, con atto del notaio Carlo Bruni del 25 settembre 1901, vendette l’opificio con tutti i diritti annessi alla moglie di Cerrone, Restituta Giannetti.

    L’opificio venne quindi adibito esclusivamente alla produzione di cartone.

    In seguito la conduzione della cartiera fu affidata agli eredi i quali, con atto del 29 novembre 1952 costituirono una società di fatto con la ragione sociale di “Cartiera Cerrone”.

    A partire dal 1° gennaio 2005 la controllata (al 100%) Cartiera San Martino srl è incorporata per fusione dalla Cartiera San Martino spa, sempre con sede legale ed operativa in Via Ferrazza, nel comune di Broccostella (FR).

    La Società opera da sempre nel settore cartario e l’attività specifica riguarda la produzione di cartoni accoppiati di diversi spessori sia grigi che colorati, di cartoncino di varie grammature, la cui materia prima è costituita da carta da macero e da recupero.

    Il complesso industriale di proprietà è costituito da più corpi di fabbrica tra loro adiacenti e comunicanti, dalla palazzina uffici, piazzali, parcheggi e zona verde.

    Oltre ai fabbricati e relative infrastrutture, il complesso industriale comprende attrezzature e  impianti  necessari al corretto funzionamento dei vari servizi.

    Attualmente nell’azienda sono occupate 62  persone, fra dirigenti, impiegati, tecnici e operai.

    Il ciclo produttivo, con l’utilizzo di materia prima riciclata, ha portato a sviluppare processi specifici per la preparazione degli impasti e  successiva trasformazione mediante   due “macchine continue”.

    Il costante monitoraggio dei processi produttivi e l’efficienza degli impianti di depurazione, garantiscono di ottimizzare la qualità del prodotto e di garantire, nel contempo, la massima sicurezza durante le varie fasi di lavorazione e un minimo impatto ambientale.

    Il mercato di riferimento è nazionale e si identifica con aziende (come scatolifici, legatorie, cartotecniche e grossisti) che operano su tutto il territorio.

    Dal mese di maggio 2008 è in funzione all’interno dell’insediamento industriale un impianto di cogenerazione di proprietà di Società terza per la produzione combinata di energia elettrica e termica.

     

    Tra le caratteristiche della Cartiera San Martino sono da evidenziare

    L’azienda eccelle nella produzione di cartoncini, di varie grammature, di diversi spessori, sia grigi che colorati, utilizzando carta da macero. La destinazione finale di utilizzo dei cartoncini è negli ambiti di legatoria, cartotecnica, imballaggio, scatolificio, allestimento libri.

    Il ciclo produttivo, con l’utilizzo di materia prima riciclata, ha portato a sviluppare processi specifici per la preparazione degli impasti e successiva trasformazione mediante  due “macchine continue”.

    Il costante monitoraggio dei processi produttivi e l’efficienza degli impianti di depurazione, garantiscono di ottimizzare la qualità del prodotto e di garantire, nel contempo, la massima sicurezza durante le varie fasi di lavorazione e un minimo impatto ambientale.

    Il mercato di riferimento è nazionale e si identifica con aziende (come scatolifici, legatorie, cartotecniche e grossisti) che operano su tutto il territorio.

    Dal mese di maggio 2008 è in funzione all’interno dell’insediamento industriale un impianto di cogenerazione di proprietà di Società terza per la produzione combinata di energia elettrica e termica.

    La particolare attenzione alla produzione e all’utilizzo dell’energia in un’ottica di risparmio è parte della vita dell’azienda fin dalla sua fondazione.

    Oggi, sempre in quest’ottica, si dedicano continue risorse all’abbattimento dell’impatto ambientale.

    Va segnalato, in tale ambito, che l’impiego delle risorse idriche è diminuito nel corso degli anni grazie alla modifica dei cicli produttivi.

    I punti di forza dell’azienda sono in sintesi:

    – l’utilizzo materia prima riciclata;

    – il rispetto e tutela dell’ambiente;

    – la continua acquisizione di materie prime selezionate;

    – la flessibilità produttiva;

    – la rintracciabilità del prodotto;

    – l’elevata specializzazione ed esperienza dello staff tecnico;

    – il monitoraggio costante della qualità dei processi produttivi;

    – il costante attenzione alle esigenze evolutive del mercato;

    – l’assistenza pre e post vendita al Cliente;

    – un ottimo livello di soddisfazione e fidelizzazione della clientela.

    Allo scopo di confermare ai propri clienti la qualità della sua organizzazione e conseguentemente l’esperienza maturata negli anni, dal 1999 l’azienda ha certificato la propria organizzazione secondo lo schema della norme UNI EN ISO 9001. Nel 2009 ha aderito agli schemi di certificazione, per la catena di custodia (CoC), della Forest Stewardship Council (FSC) e del Promoting Sustainable Forest Management (PEFC).

     

     

    Il patrimonio culturale posseduto 

     

    I macchinari

    Si segnalano un Pulper di cartiera e alcuni cilindri, detti “lettini”, olandesi.

    Il Pulper o “spappolatore” è un macchinario, dotato di vasca contenente acqua, che ha lo scopo di separare il materiale fibroso in fibre allo stato elementare.

    Il cilindro o “lettino” olandese raffinatore è una macchina ciclica che trae il suo nome dall’essere stato inventato nelle cartiere olandesi alla fine del diciassettesimo secolo. Fu introdotto in Italia nel milleottocento. In una vasca di forma ovale, la parete centrale forma due canali in cui il cilindro munito di lame ruota sfiorando le altre lame fisse disposte in basso su un supporto detto “platina”.

    La massa acquosa di fibre circola continuamente e, passando tra le lame, subisce un’azione di schiacciamento e taglio per essere così raffinata fino ad ottenere l’idoneo impasto da carta.



  • Bibliografia e fontiOpen or Close

    http://www.cartierasanmartino.it/



  • PersoneOpen or Close


  • RealizzazioniOpen or Close