Distillerie Bonollo spa

  • Le date

    L’impresa viene fondata nel 1908

  • Le altre date

    Nel corso del tempo sono stati aperti nuovi stabilimenti.

    1918: stabilimento di Formigine (MO).

    1958: stabilimento in Anagni Fontana (FR).

    1976: Stabilimento a Torrita di Siena (SI).

    1980: Secondo stabilimento ad Anagni Paduni (FR).

    1990: Stabilimento a Greve in Chianti (FI) – cessato nel 2012.

    Nel 2007 viene fondata la Bonollo Energia spa

     

  • Le sedi

    Località Paduni, snc – 03012 Anagni (FR)

    Recapiti: +39 0775 778252 – http://www.bonollo.com

  • Le altre sedi

    Stabilimento nel Lazio: Località Osteria della Fontana, snc – 03012 Anagni (FR)

  • L'ambito produttivo

    Alimentare

  • L'impresa approfondisce

    Alcool, distillati, acido tartarico, fertilizzanti, energia.



  • Il profilo e l'identità

    Fondata nel 1908, dal Veneto e dall’Emilia Romagna l’Azienda si è insediata negli anni anche in Toscana e nel Lazio, in provincia di Frosinone. Nello stabilimento di Anagni, dal 1958, si trova la distilleria vitivinicola più grande d’Europa. La grappa è il prodotto per il quale storicamente sono maggiormente conosciute le Distillerie Bonollo: l’attività è passata di padre in figlio, sin dall’acquisizione di due rinomate ed antiche aziende venete, la Modin e la Dalla Vecchia. Nel tempo, l’impresa ha anche affiancato all’attività originaria quella nel al settore energetico. Ciò, grazie allo sfruttamento di un ciclo virtuoso che ha radici già nell’Ottocento, nell’antico uso di sfruttare i sottoprodotti della vinificazione.  E’ stata infatti avviata la produzione di energia elettrica dalle biomasse attraverso l’utilizzo delle vinacce esauste provenienti, appunto, dalle distillerie.



  • L'impresa si descriveOpen or Close

    E’ del gennaio 1908 la prima denuncia di deposito fiscale di alcol firmata dal fondatore Giuseppe Bonollo. L’attività nasce in Veneto, ma nel 1918 Luigi Bonollo, il figlio del fondatore, avvia una distilleria a Formigine, nel modenese, per dedicarsi alla distillazione delle vinacce di Lambrusco.

    I suoi sei figli – Giuseppe, Melchiorre, Alberto, Luigi, Vittorio e Abramo, con i loro eredi – prendono successivamente in mano l’azienda. Cogliendo il fermento vitivinicolo dell’Italia centro-meridionale, Giuseppe Bonollo nel 1958 decide di aprire uno stabilimento anche ad Anagni, in provincia di Frosinone.

    Nel 1976 le Distillerie Bonollo acquistano e ristrutturano la distilleria di Torrita in provincia di Siena. Ma si guarda ancora più avanti e l’azienda, che dal 1966 è guidata dal Cavaliere del Lavoro Giuseppe Bonollo, nel 1980 avvia la costruzione di un secondo stabilimento ad Anagni, in località Paduni: questo impianto produttivo diventerà il più grande d’Europa.

    Negli anni novanta nasce una nuova realtà: a Greve in Chianti, le Distillerie Bonollo fondano una piccola distilleria a cui affiancano il Centro Documentazione Grappa “Luigi Bonollo”. Nel 2009 gli impianti di Greve verranno trasferiti alla Distilleria di Torrita.

    Nel 2007 le Distillerie Bonollo entrano nel settore delle energie rinnovabili. Nasce così Bonollo Energia spa che, dal 2010, realizza e gestisce un impianto della capacità produttiva di 10,5 MWe per la produzione di energia da biomasse: il 70 % di queste è rappresentato dalle vinacce esauste fornite dalle distillerie.

     

     

    Il patrimonio culturale posseduto 

     

    Il patrimonio bibliografico

    La Bonollo conserva, presso il Centro Documentazione Grappa “Luigi Bonollo” sito a Torrita di Siena (SI), il proprio patrimonio bibliografico.

     

    I macchinari

    L’azienda conserva una collezione di alambicchi e contenitori da laboratorio.



  • I loghi storiciOpen or Close

    >



  • Bibliografia e fontiOpen or Close

    http://www.bonollo.com



  • PersoneOpen or Close


  • RealizzazioniOpen or Close