Viscolube srl

  • Le date

    1963. L’inizio delle attività industriali nell’attuale stabilimento Viscolube di Ceccano si identifica con la costituzione della Società Ferentum su un terreno agricolo.

  • Le altre date

    1965. La Società, di proprietà Lolli Ghetti, assume il nome di Clipper Oil Italiana.

    1980. L’AgipPetroli rileva il 50% del pacchetto azionario e diventa responsabile della gestione.

    1987. L’intero pacchetto azionario passa alla stessa AgipPetroli.

    2001. L’AgipPetroli vende lo stabilimento di Ceccano alla Soc. Viscolube Italiana spa, poi Viscolube spa e oggi Viscolube srl con sede in Pieve Fissiraga (LO).

     

  • Le sedi

    Via Tavernelle, 19 – 26854 Pieve Fissiraga (LO)

    Recapiti: +39 0371 2503.1– http://www.viscolube.it

  • Le altre sedi

    Stabilimento: Via Monti Lepini 180 – 03023 Ceccano (Frosinone)

  • L'ambito produttivo

    Chimica, gomma e materie plastiche

  • L'impresa approfondisce

    Produzione di basi lubrificanti mediante rigenerazione di oli lubrificanti usati.



  • Il profilo e l'identità

    Viscolube srl è una azienda attiva nella rigenerazione degli oli usati. Fondata nel 1963 , nel corso di cinque decenni di attività è cresciuta costantemente grazie a continui miglioramenti tecnologici. Alla fine degli anni 1990, in collaborazione con l’Istituto francese del petrolio, oggi Axens, sviluppa una tecnologia che la pone  all’avanguardia nel settore. Nel 2001 acquisisce da AgipPetroli l’impianto di Ceccano. Agli inizi degli anni 2000 ha messo a punto un nuovo processo di ri-raffinazione riconosciuto dalla normativa europea e italiana come la migliore soluzione tecnica dal punto di vista qualitativo e ambientale. Oggi Viscolube è leader del settore in Italia e tra i principali operatori a livello europeo e persegue l’obiettivo di estendere ulteriormente la propria presenza all’estero.



  • L'impresa si descriveOpen or Close

    Fondata nel 1963, con quasi 170 dipendenti nei due Stabilimenti produttivi, ubicati uno a Pieve Fissiraga (LO), l’altro a Ceccano (FR), Viscolube, società leader in Italia ed in Europa nella sua attività, rigenera circa l’80-85% dell’olio usato rigenerabile raccolto in Italia dal Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati (COOU).

     

    Tra le caratteristiche della Viscolube sono da evidenziare

    Applicando tecnologie avanzate, Viscolube svolge un’attività dalla doppia valenza ambientale: sottrae all’ambiente un rifiuto pericoloso – gli oli lubrificanti usati – e lo trasforma in un prodotto di alta qualità, contribuendo al contempo alla riduzione dei consumi di greggio.

    Entrambi i siti produttivi sono caratterizzati da processi tecnologicamente avanzati che applicano tecniche ritenute, a livello sia di impatto ambientale che di resa qualitativa, le migliori disponibili per la rigenerazione degli oli usati.  In entrambi i siti produttivi Viscolube è presente un impianto di processo che utilizza la tecnica dell’idrogenazione catalitica, denominata Hydrofinishing e ritenuta, appunto, una delle migliori tecniche del settore specifico. Tale tecnica, indicata quale “migliore” anche dalla normativa vigente in Europa ed in Italia, è infatti caratterizzata da una resa molto alta e consente di ottenere prodotti di qualità elevata sia in termini delle principali caratteristiche merceologiche del prodotto (colore e stabilità all’ossidazione) sia dal punto di vista tossicologico (quasi azzeramento di zolfo, composti insaturi ed aromatici IPA).

    Alla fine degli anni ’90 proprio Viscolube, insieme all’Istituto Francese del Petrolio, mise a punto il processo REVIVOIL® (Re-refining Viscolube IFP for Valorization of used Oil) che rappresenta ancor oggi una combinazione particolarmente innovativa tra la tecnologia di termodeasfaltazione, di cui è licenziataria Viscolube, e le tecnologie detenute da IFP relativamente al processo di Hydrofinishing. Il processo della termodeasfaltazione, applicato nella realtà produttiva di Pieve Fissiraga, è attualmente venduto con successo da Viscolube in termini di “know-how” ad altre aziende che rigenerano oli usati, sia in Italia che all’estero.

     

     

    Il patrimonio culturale posseduto

     

    Il patrimonio iconografico, artistico e audiovisivo

    Sono disponibili numerose fotografie (private) dello Stabilimento e del paesaggio immediatamente circostante che testimoniano le modifiche rilevanti avvenute in circa 50 anni nei dintorni, a livello sia di pressioni antropiche sia di trasformazioni avvenute nello stesso impianto.

    Il materiale è conservato presso lo Stabilimento unitamente ad una serie di filmati.



  • I loghi storiciOpen or Close

    Logo anni 2001 – 2007



  • Bibliografia e fontiOpen or Close

    Esistono fonti di tipo documentale prodotte dall’azienda e, in alcuni casi, destinate all’esterno, ad esempio:

    – Rapporto di Sostenibilità (annuale e diffuso alle parti interessate),

    Dichiarazione Ambientale EMAS (pubblicata sul sito EMAS e sul sito Viscolube)

    – Monografia fotografica dello Stabilimento (rivolta ad interni ed esterni),

    – Brochure istituzionali

     

    http://www.viscolube.it



  • PersoneOpen or Close


  • RealizzazioniOpen or Close