Vianini Industria spa

  • Le date

    Nel 1890 viene fondata la Società in accomandita G. Vanini & C.

     

  • Le altre date

    Nel 1908 diviene Società Anonima per l’esercizio degli stabilimenti G. Vianini & C. per lavori in cemento e affini.

    Nel 1980 le attività della Vianini vengono scorporate ed attribuite a società autonome per singoli aggregati produttivi: Industria, Lavori, Ingegneria ed Edilizia.

    Il settore della prefabbricazione viene conferito alla Vianini Industria spa che sin dal 1986 è quotata alla Borsa di Milano.

    L’attuale configurazione nell’ambito del Gruppo Caltagirone è stata assunta a partire dal 1983.

  • Le sedi

    Via Montello 10 – 00195 Roma

    Recapiti: +39 06 37.49.21 – http://www.vianinigroup.it/

  • Le altre sedi

    Stabilimento di Aprilia (LT), via Nettunense Km 24,200 – 04011 Aprilia (LT)

  • L'ambito produttivo

    Progettazione, Materiali e Impianti

  • L'impresa approfondisce

    LaVianini Industria opera nel settore industrialeperlaproduzionediprefabbricati speciali in calcestruzzo. Èparticolarmente interessata alla fabbricazione, ove necessario,allaprogettazionediprodottiper l’infrastruttura ferroviaria, per quella delle linee metropolitane, per i rivestimenti per gallerie realizzati con conci prefabbricati e per i grandi adduttori idrici, fornendo, quandorichiesto,ancheilsupportotecnicoe progettuale occorrente in fase di posa inoperadei prodotti forniti.

     



  • Il profilo e l'identità

    Vianini industria spa è una società del Gruppo Caltagirone attiva nella produzione di manufatti in cemento e presente sul territorio nazionale con cinque stabilimenti, di cui due nel Lazio, ad Aprilia e Latina. Fondata nel 1890, dagli anni 1920 si specializza nella costruzione di tubi in cemento armato e allarga progressivamente il suo mercato. Dal 1960 inizia a produrre traverse ferroviarie per le Ferrovie dello Stato e sulla base di tale esperienza realizza prodotti anche per la costruzione di metropolitane. Nel 1980 l’azienda assume l’attuale assetto societario grazie allo scorporo e alla ripartizione delle sue attività in quattro società autonome e dal 1986 viene quotata alla Borsa di Milano. Oggi l’azienda è una delle principali industrie produttrici di traverse in cemento armato del paese e ha rafforzato la propria posizione nel settore delle opere pubbliche, acquisendo nel 2007 una fornitura per la costruzione della nuova metropolitana di Roma per la quale ha predisposto un apposito reparto nello stabilimento di Aprilia.

     



  • L'impresa si descriveOpen or Close

    Le origini della Vianini risalgono al 1890 con il primo stabilimento industriale di Roma per la produzione di manufatti in cemento che venne costruito dalla società in accomandita G.vianini & C. la quale a partire dal 1908 proseguirà la sua attività nella “Società Anonima per l’esercizio degli stabilimenti G. Vianini & C. per lavori in cemento e affini”.

    Nel 1980 le attività della Vianini vengono scorporate ed attribuite a società autonome per singoli aggregati produttivi: Industria, Lavori, Ingegneria ed Edilizia.

    In tale contesto il settore della prefabbricazione viene conferito alla Vianini Industria spa che sin 1986 è quotata alla Borsa di Milano.

    L’attuale configurazione nell’ambito del gruppo Caltagirone è stata assunta a partire dal 1983.

    L’attività della Vianini nel settore della prefabbricazione industriale, con il trascorrere degli anni, è andata sempre più estendendosi con l’attivazione di diversi stabilimenti dislocati sull’intero territorio nazionale e nelle Americhe (Argentina, Venezuela, U.S.A.) nei quali ai manufatti tradizionali in cemento e calcestruzzo si affiancano anche altri prodotti come canalette per irrigazione, traverse ferroviarie in cemento armato precompresso, pali in cemento armato centrifugato per linee aeree e per fondazioni, travi tubo in cemento armato, conci per il rivestimento di gallerie, dolos per opere marittime.

    Dopo una iniziale produzione di traverse risalente al 1908 nel proprio stabilimento di Napoli, nei primi anni ’60, a seguito di una selezione indetta dalle ferrovie dello stato per la scelta di un proprio tipo di traversa in calcestruzzo, la Vianini avviò una significativa attività produttiva di traverse ferroviarie in c.a. precompresso monoblocco presso lo stabilimento di Caivano, il cui impiego da parte delle FF.SS. ebbe inizio sulla linea ferroviaria Milano-Domodossola.

    Da allora la Vianini ha prodotto oltre 13.000.000 di traverse di diverse tipologie, restando sempre al fianco delle FS per il miglioramento qualitativo e prestazionale del prodotto, divenendo una delle più importanti industrie produttrici di traverse in c.a. precompresso monoblocco in Italia. A tale proposito, va evidenziato che nel 1996 ha realizzato una nuova linea nello stabilimento di Aprilia, per la produzione di oltre 800.000 traverse del tipo RN 260 di propria progettazione destinate alla linea “Alta Velocità” Roma-Napoli. Per l’espletamento di detta fornitura destinata alla prima linea ferroviaria italiana di alta velocità sono state introdotte innovazioni rilevanti per il carattere di prestazionalità assegnato alle “specifiche tecniche di fornitura” e per i conseguenti e congruenti criteri di accertamento della corrispondenza del prodotto al profilo di missione. Infine, nel periodo 2004-2006 si sono positivamente concluse le attività di omologazione delle traverse per le linee tradizionali (RFI 230 – RFI 240) e per quelle alta velocità (RFI 260) da realizzare sulla base delle nuove “specifiche tecniche” emesse da RFI, ispirate ai criteri di interoperabilità europei. anche nel campo delle traverse biblocco con il sistema Vagneux, in cemento armato vibrato, la Vianini ha una presenza significativa avendone prodotto e fornito cospicui quantitativi per le Ferrovie Concesse; per tale produzione venne realizzata nel 1991 una nuova linea produttiva nelle proprio stabilimento di Binetto (BA).

    Nel contesto dell’evoluzione prestazionale dell’armamento con traverse in c.a.p., nel 1988 le FS avviavano la sperimentazione di un tipo di armamento innovativo, costituito da platee in c.a. precompresso, senza utilizzo di pietrisco (ballast-less), in relazione al quale la Vianini aveva messo a punto un suo prototipo, coperto da brevetto, con cui ha da tempo realizzato una significativa tratta sperimentale nella stazione di Attigliano sulla linea lenta Roma – Firenze, in attesa di futuri auspicati sviluppi applicativi da parte di FS a partire dal 1999.

    Sulla base dell’esperienza acquisita nel campo dell’armamento “ballast-less”, la Vianini ha ulteriormente ampliato la propria gamma di prodotti inserendosi anche nell’ambito dell’armamento per metropolitane, realizzando una linea di produzione nello stabilimento di Aprilia. Con riferimento alla suddetta tipologia di armamento, Vianini ha prodotto un tipo di piattaforme per armamento massivo antivibrante, su concessione della società detentrice del relativo brevetto, per alcune tratte della linea metropolitana di Napoli e per la nuova linea “C” della metropolitana di Roma.

    Per quanto riguarda i tubi in c.a.o. e c.a.p., i successi iniziali ne determinarono negli anni successivi, un sempre più diffuso impiego ed una progressiva estensione del loro campo di applicazione che attualmente va dagli acquedotti per adduzione irrigua e di acqua potabile, agli acquedotti industriali e alle condotte di raffreddamento degli impianti termoelettrici e termonucleari.

    Questa diffusione è stata resa possibile dalla continua ricerca di metodi costruttivi sempre più perfezionati e di soluzioni tecnologiche mirate ad un incremento prestazionale nonché dal conseguente progressivo aumento delle dimensioni e delle pressioni di esercizio di questi manufatti; ed è così che dal diametro di 800 mm dei primi tronchi dell’Acquedotto Pugliese si è pervenuti alla produzione di serie di tubi in c.a.p. dei diametri di 3000 mm e, seppur eccezionalmente, di 4500, 5000 e 5400 mm destinati, questi ultimi, ai collettori principali della fognatura di Buenos Aires; altrettanto dicasi delle pressioni di esercizio che attualmente raggiungono le 20 atm grazie soprattutto all’immissione sul mercato italiano, da parte della Vianini, dei tubi in c.a.p. con cilindro metallico inglobato (tcm), prodotti dal 1986 nello stabilimento di Ginosa (TA), con know-how importato dalla Vianini Pipe Inc., con stabilimento in New Jersey (U.S.A.). Il settore dei tubi in c.a. ordinario della Vianini si è arricchito a partire dal 1984, di un nuovo tipo di tubo – denominato “Tad” tubo ad armatura diffusa – che è il risultato di molti anni di ricerche e sperimentazioni condotte dalla società, culminato con la realizzazione di una nuova linea produttiva nello stabilimento di Binetto. alla data odierna risultano fabbricati dalla Vianini, negli stabilimenti di Binetto, Ginosa e Porto Torres, circa 800 km di tubi in c.a. ordinario e 2600 km di tubi in c.a. precompresso dei diametri da 600 a 3000 mm con una significativa presenza di diametri medio-alti compresi tra 1800 e 3000 mm., a cui andrebbero aggiunti gli oltre 350 km prodotti all’estero. detti tubi, nell’ultimo scorcio del secolo scorso, e più precisamente a partire dagli anni settanta, sono stati per la gran parte destinati alla realizzazione di prestigiose infrastrutture idriche tra cui citiamo, a titolo indicativo, gli acquedotti del Pertusillo, del Coghinas, dell’area industriale di Porto Torres, di Chilivani, del Flumendosa, del Sinni e dell’Arneo, dell’Ofanto, del lago di Bracciano per la città di Roma , della Campania Occidentale, del Trigno Sinello, dello Staina, di Regi Lagni, del Fortore, di Acerenza- Genzano e, con riferimento al successivo periodo 2000-2004, gli acquedotti del Riopalmas e del Tirso-Flumendosa realizzati in Sardegna.

    Nel 2007 Vianini Industria acquisiva la fornitura dei conci destinati alle gallerie della costruenda linea “C” della metropolitana di Roma, per la quale predisponeva un apposito reparto ad alto livello tecnologico, presso il proprio stabilimento di Aprilia che esprime una potenzialità produttiva giornaliera di 24 anelli corrispondenti a ben 168 conci.

     

    Tra le caratteristiche di eccellenza e di elevata potenzialità di Vianini sono da evidenziare
    L’attività principale di produzione della Vianini Industria è rivolta soprattutto alla fabbricazione di traverse ferroviarie e sistemi di armamento di tipo massivo ad elevato smorzamento sia per linee metropolitane che ferroviarie, conci per gallerie stradali, ferroviarie e idrauliche, tubi per acquedotti e per irrigazione.

    A quest’ultimo settore sono legati i primi brevetti realizzati dalla società nel 1909 con l’introduzione di particolari soluzioni tecniche per la produzioni dei “Tubi Vianini”; soluzioni tecniche successivamente adottate da numerose società sparse in tutta Europa che ne avevano acquisito i diritti di uso.

    È seguito poi, nel 1984, il brevetto per la fabbricazione dei tubi “TAD” ad armatura diffusa e quello delle piattaforme ferroviarie in c.a.p. del tipo “Ballastless” per linee ferroviarie di alta velocità.

     

     

    Il patrimonio culturale posseduto 

     

    Il patrimonio documentale
    L’azienda ha realizzato tutti i più importanti acquedotti del centro-sud Italia, dei quali possiede, nei propri archivi tutti i progetti completi

     

    Il patrimonio iconografico, artistico e audiovisivo
    Di moltissime delle opere realizzate dall’azienda sono stati realizzati e conservati filmati ed immagini, che sono custoditi nell’archivio della società.

     

    I prodotti

    L’azienda ha realizzato presso il proprio stabilimento di Aprilia una mostra di tutte le traverse ferroviarie realizzate per conto delle Ferrovie dello Stato, poi RFI S.p.A., costruite dal 1958 ad oggi, ivi incluse le piastre per armamento massivo del tipo “ballastless” progettate e costruite per linee di alta velocità.

     



  • Bibliografia e fontiOpen or Close

    http://www.vianinigroup.it/



  • PersoneOpen or Close


  • RealizzazioniOpen or Close


  • DocumentiOpen or Close